.
Annunci online

cosiparlocaiazza
Per quelli che... Apicella non è solo un menestrello

NOVITA' IN LIBRERIA!

Il 19 Gennaio il Corriere della Sera ha dedicato pagina 14 alle intercettazioni del sig. Caiazza che rivolgendosi ad alcuni dirigenti di IdV definiva Di Pietro un delinquente. Ora, il Caiazza non è un personaggio pubblico. Potrebbe essere il panettiere Gino o il barbiere Paoletto. Più o meno nelle stesse ore veniva diffusa (anzi, censurata) la notizia che il Riesame aveva confermato l’ordinanza di sequestro disposta da Apicella & co. nei confronti della procura di Catanzaro che da mesi rifiutava di trasmettere gli atti delle inchieste Why not e Poseidone di De Magistris (ovviamente, anch’egli trasferito). Ma di questo fatto nessun organo di disinformazione ha parlato. Apicella e i pm della procura di Salerno, come è noto, sono stati sanzionati dalla disciplinare del Csm nonostante il Riesame, unico giudice competente a pronunciarsi, avesse deciso nel senso della correttezza. Puniti per aver fatto il loro dovere di giudici, dunque. Nelle stesse ore, il Corriere, per non essere da meno, puniva Carlo Vulpio, cronachista della giudiziaria, reo di aver raccontato la trama del bestseller “Catanzaro-Salerno solo andata” (come lo chiama il muscolarista FT). Questo blog tributa, dunque, il degno riconoscimento alla chiara fama di Caiazza, asceso alla ribalta delle cronache nazionali per nessun motivo.

26 maggio 2010
ASSALTO AL PM
Ho appena finito di leggere il libro “Assalto al Pm” di de Magistris. Devo riconoscere che rappresenta un timido passo in avanti rispetto alla piattaforma politica, intrisa di banalità e luoghi comuni, sposata dall’ex Pm all’indomani delle elezioni Europee. Ho notato, senza stupirmi per la verità, che il nome di Vulpio non compare mai. Ho apprezzato invece l’analisi ruguardante la qualità del Csm e delle articolazioni politiche, specie di sinistra, che lo condizionano. Un passo in avanti rispetto alla sterile invettiva contro il Caimano. Nel libro risulta chiarissmo, inoltre, il ruolo di alcune altissime figure istituzionali, provenienti dal centrosinistra, nell’impedire il controllo di legalità. Molto convincente anche l’analisi sulle responsanbilità interne della categoria dei Magistrati. Tra le righe del libro si possono intuire anche le motivazioni, umane e caratteriali, che hanno influenzato le scelte successive di de Magistris in seguito al brillante risultato conseguito alle Europee, che a detta dello stesso protagonista è andato molto aldilà delle sue più rosee previsioni. Risultato che probabilmente lo ha indotto per inerzia a prendersi improvvisamente molto sul serio. Ma la poltica è una scienza molto mutevole. Meno convincente infine l’esasperazione del dato emotivo, caratterizzato da una serie di domande retoriche sui segni che le vittime delle ingiustizie sono costrette a portate per la vita. La vita è dura per tutti e i ruoli recitati nel corso della stessa non sono sempre gli stessi, Vittime e carnefici non sono categorie separabili e distinguibili una volta e per sempre. Bensì maschere che nella vita e a turno, un po’ tutti indossano per poi dismettere.

Francesco Toscano

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte